Schiacciata alla fiorentina, ricetta e qualche dritta!

Devo o no rendere onore al tipico dolce fiorentino di Carnevale che mi ha ispirato per il nome del blog?

La verità è che ho provato a fare la schiacciata diverse volte ma tutto è sempre finito in un epic fail..all’apparenza sembra un dolce facile e banale, ma la ricetta tradizionale non è affatto scontata ed è un vero e proprio lievitato! Certo, per fare prima c’è anche la ricetta veloce e semplice con il lievito chimico, ma non è la stessa cosa…

Poi se volete fare ancora prima, a Firenze abbonda la scelta su dove andare (guardate anche il post sulle pasticcerie..): da Giorgio per mangiarla con la fantastica crema; da Bottega di Pasticceria se volete una versione gustosa e untuosetta; da Neri che ha vinto proprio il concorso sulla migliore schiacciata per ben 2 anni di fila; da Bellucci, Luana e Nencioni se volete andare in buone pasticcerie per nulla blasonate e anzi dall’appeal un po’ demodè; nei numerosi forni (per esempio Pierguidi o Guasti) così vi fate tentare anche da cenci e frittelle..

Consigli per fare la ricetta: secondo me è abbastanza fondamentale munirsi di una planetaria, l’impasto deve essere ben lavorato e diventa molto vischioso, quindi farlo a mano è una bella impresa…

In secondo luogo, nella vera schiacciata fiorentina il segreto risiede anche in un pizzico di spezie, per la precisione quelle toscane per panforte o anche quelle chiamata quattro spezie per il francese pain d’epices: cannella, pepe, noce moscata e chiodo di garofano. Per comprarle potete andare in due tipici negozi fiorentini, Pegna e Bizzarri, ma anche nella torrefazione Caffè Magic (ci sono più negozi a Firenze) e, per finire, in un negozio delizioso che ha aperto da poco in zona Cure e che vende tantissime cose allo sfuso, si chiama Pepita&Grano!

Ultimissima nota: la ricetta originale prevede l’utilizzo dello strutto che io, invece, ho sostituito con il burro perchè è difficile trovare uno strutto di qualità (e anche perchè il burro mi sembra insostituibile in un buon dolce…), la prossima volta cercherò di rimediare!

Ovvia, vi ho fatto penare ma siamo giunti alla ricetta! E’ lunga eh..

Continua a leggere

Super Guida ai ristoranti etnici di Firenze!

Per quanto si possa amare la cucina italiana, ogni tanto viene voglia di mangiare qualcosa di diverso, a me viene proprio una sorta di richiamo irresistibile! A Firenze c’è ormai molta scelta, anche se a volte cucina straniera fa un po’ rima con locali non molto curati, dove l’igiene e le materie prime lasciano un po’ a desiderare…..Di seguito i ristoranti suddivisi per tipologia, così quando vi prende la strana voglia, sapete dove andare a parare 😉

P.S. Nel post che segue ci sono anche consigli per gli acquisti per fare una cenetta etnica a casa, qui vi segnalo solo il Vivi Market che è un po’ un jolly dal momento che è suddiviso per aree geografiche e vi troverete un po’ di tutto

Continua a leggere

Sale da Tè e Cioccolaterie a Firenze! (ma anche negozi specializzati..)

In inverno cosa c’è di meglio che prendersi un bel tè o una cioccolata calda? Magari con una fetta di torta, uno scones ma anche un tramezzino…Fare due chiacchiere, rilassarsi e mettersi all’ingrasso contro il freddo (sì sì proprio per questo, ehm….).

Ecco, quindi, una piccola scelta di sale da tè e cioccolaterie, ma anche di negozi specializzati se volete provvedere a fare da voi a casa!

P.s. Oltre ai posti sotto elencati, vi consiglio anche i locali già elencati nel post sul brunch (in particolare Dolce Lab, Le Vespe Caffè e Sugar&Spice).

p.p.s. Fuori Firenze, posti rinomati per il cioccolato sono Catinari, La Molina e Slitti.

Continua a leggere

Tortelli ripieni di burrata, patate e tartufo!

IMG_20151212_123724

Ecco un primo piatto di pasta fresca ideale per il pranzo di Natale! L’ho preparato in questi giorni ed è stata vera goduria….In più (e non ere nemmeno voluto), è pure adatto se avete amici vegetariani, senza dover ricorrere a tofu o simili!

p.s.: una ottima burrata, saporita e morbidissima, l’ho trovata a Lucanella in Viale Volta 11 (un caseificio vero e proprio, provate anche i loro nodini al gorgonzola!).

Continua a leggere

Regali da Firenze!

Si avvicina il Ponte dell’8, super agognato! C’è chi andrà via qualche giorno, chi si dedicherà agli addobbi natalizi, chi si butterà nel rituale infernale ma necessario dei regali di Natale. Ho pensato, allora, ad una proposta di regali che hanno come tema Firenze, adatti sia per chi viene qualche giorno nella nostra bellissima città ma anche per noi Fiorentini, che alla fine ci piace essere un po’ autocelebrativi……

P.s. Il vino neanche ve lo metto, di quello c’è talmente tanta scelta  e varietà che è inutile provarci, voi assaggiate, però che non fa mai male….

P.p.s. Se volete prendere regali a breve scadenza, potete anche consultare il post sulle pasticcerie di Firenze (ad esempio la torta di Dolci&dolcezze, o l’Iris Cake di Gualtieri o il Fruttodoro di Robiglio per esempio…

Continua a leggere

Pasticcerie a Firenze: guida alle migliori!

croissant

Questa è veramente una super guida per golosi, siete avvisati! Da appassionata di pasticceria, mi piace conoscere i posticini della mia città e in cosa sono specializzati. Qui ho privilegiato le pasticcerie con produzione propria nell’area cittadina, e ugualmente l’elenco è venuto bello lunghetto perchè Firenze ha una grande tradizione di pasticcerie. Alcune delle seguenti sono davvero superiori, altre non saranno memorabili ma si difendono bene, ma non vi voglio condizionare facendo preferenze o che altro.

N.B. Molte pasticcerie hanno cavalcato la moda aprendo sezioni vegane e  a volte i risultati sono anche gustosi. Ma sapete quando un dolce è così buono che continuate a sognarvelo? Quando contiene talmente tanto burro che lo risuderete attraverso la pelle…..

Continua a leggere

Brunch a Firenze!

Con il ritorno dell’autunno, penso subito a un bel brunch, così già si comincia la stagione dell’accumulo di grasso corporeo, d’altronde bisogna pur proteggersi in qualche modo dal freddo no?

Devo dire che io preferisco di gran lunga il brunch di ispirazione anglosassone perchè è senza dubbio il più godurioso, e guardo un po’ con sospetto ai cosiddetti “brunch mediterranei” o giù di lì (ma ci sono le dovute eccezioni eh!)….comunque ve ne metto di diversi tipi, poi ognuno ha i suoi gusti 😉

p.s. a me piaceva un sacco il brunch alla Rari Nantes ma, come forse saprete, la struttura molto probabilmente sarà abbattuta dal Comune a novembre…che peccato, sigh!

Continua a leggere

Pappa al pomodoro….di mare!

IMG_0923

Adoro i pomodori! In questo periodo li mangio in continuazione, in ogni loro forma e consistenza..La pappa al pomodoro è un piatto tipico toscano, semplice ma super gustoso: d’altronde è l’agognato piatto del terribile Gian Burrasca nel romanzo di Vamba “Oggi a desinare si è finalmente cambiato minestra!… Abbiamo avuto una eccellente pappa col pomodoro alla quale le ventisei bocche dei convittori dei collegio Pierpaoli han rivolto con ventisei sorrisi il più caldo e unanime saluto…”

Qui l’ho rifatta in versione marittima, che ci volete fare, il richiamo dell’estate è fortissimo!

Nota sul pane: a me piace usarne un tipo semintegrale che compro alla Coop (panaccio integrale) oppure il pane di Eataly oppure di alcuni forni fiorentini (tipo Forno Garbo, Antico Forno Guasti, Forno Giglio, i due panifici dentro il Mercato di Sant’Ambrogio, il Santo Forno, Panifiicio Ciccone, Bottega del Pane, il panificio Berti, il forno Becagli).

Nota sul pesce: potete decidere di fare o una versione con gamberi o vongole oppure una con pesce sfilettato che è quella che c’è nella foto (e che era più rapida da fare), vi spiego entrambi i modi.

Continua a leggere